Ripresa Calcio Amatoriale, Country Sport Avellino e Cima Sport pronti a ripartire

Dopo le prime riaperture dello scorso 4 maggio e il via agli spostamenti fra regioni, arrivato ufficialmente il 3 giugno, anche lo sport si prepara a tornare gradualmente alla normalità. Resta un’incognita, però, la data di ripartenza del calcio amatoriale, che rappresenta una risorsa economico-sociale di assoluto valore per tutto il panorama sportivo italiano e per tanti appassionati del nostro paese.

Ad Avellino, strutture come il Country Sport ed associazioni quali la storica Cima Sport non vedono l’ora di riaprire i battenti. Ma quando potranno davvero farlo? Il Ministro Vincenzo Spadafora, delegato alle Politiche Giovanili e allo Sport, ha rinviato di una settimana (dal 15 al 22 giugno, ndr) la riapertura dei circoli sportivi e di simili strutture, al fine di limare i dettagli di un protocollo sanitario che non sarà facile applicare totalmente in taluni ambienti. Per certi versi, addirittura impossibile.

Inoltre, tra il 15 e il 25 giugno, il Comitato Tecnico-Scientifico e la Protezione Civile italiana avranno la possibilità di fare un’ulteriore valutazione sull’andamento della curva epidemiologica, a circa due settimane dal “via” agli spostamenti fra regioni. La prossima settimana, infatti, sarà decisiva per comprendere i nuovi dati e le conseguenze portate dalla prima fase di convivenza con il virus.

In Abruzzo, il Governatore Marco Marsilio ha deciso di riaprire i circoli sportivi, ma a condizioni obiettivamente assurde per tutti gli sportivi (e non): nelle classiche partite di calcetto, infatti, saranno vietati i contrasti, le scivolate, gli sputi sui guanti e sui terreni di gioco, le marcature a uomo. Prima di consentire agli atleti di entrare in campo, previsto il controllo della temperatura corporea, oltre all’uso della mascherina prima e dopo l’attività fisica.

In Irpinia, invece, tante strutture ed associazioni sportive sono in attesa di una data e di un protocollo ufficiale: tre mesi di “lockdown” rischiano di distruggere realtà che rappresentano un punto di riferimento per gli appassionati locali, oltre che una fonte di sostentamento per coloro che gestiscono determinate attività.

Leggi anche:

Avellino Calcio, D’Agostino: “Questione stadio, settore giovanile e squadra del futuro”

Oreste La Sala a YSport: “Io, preparatore dei portieri con l’Avellino nel cuore”

L’irpino Antonio Marino diventa allenatore professionista: “Il mio sogno è realtà”

avatar
Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.