Avellino-Bari 1-0, gruppo “Veterani” senza striscione allo stadio: il comunicato

Dalla squadra sensazione positiva. Restiamo speranzosi in un campionato che possa regalarci delle soddisfazioni.

Ma la giornata di ieri è da ricordare per ben altro, purtroppo.

Ci è stato IMPEDITO di esporre lo striscione VETERANI, per ‘mancanza di autorizzazione’.
I Veterani, da sempre rispettosi delle regole, anche quelle cervellotiche o poco condivisibili, avevano regolarmente inviato la mail all’US AVELLINO per la partita di Coppa Italia, non ottenendo alcuna risposta.

Sull’atteggiamento irritante, irrispettoso, menefreghista, distaccato, dilettantistico della società targata Sidigas, non possiamo che stendere un velo pietoso, perché le speranze di ricevere correttezza e rispetto da parte di una società ASSENTE IN TUTTO E PER TUTTO sono miseramente naufragate di fronte a tutto ciò che abbiamo dovuto subire sia lo scorso anno, che soprattutto questa estate.
Disorganizzazione e improvvisazione all’ennesima potenza, come anche la gestione biglietti di ieri, e quella degli abbonamenti ( già nota a chi SEGUIVA anche il basket fino all’harakiri…) hanno evidenziato.

Una vergogna senza fine.

Ma se aggiungiamo alla totale assenza di una irritante società anche la TOTALE MANCANZA DI ELASTICITÀ E BUON SENSO da parte dei responsabili delle forze dell’ordine, il quadro che ne viene fuori è davvero desolante.
Da un un punto di vista formale, il divieto può anche essere giustificato.

Ma da quello pratico, e del buon senso, no.
Noi siamo sempre gli stessi, ci conosciamo a memoria. E allora, se tu vedi che l’iter per l’esposizione dello striscione è stato rispettato, e che la mancanza è TOTALMENTE della società dilettantistica, puoi anche chiudere un occhio, lo fai aprire (striscione e bandiere), verifichi, e lo fai passare.
Questo, direbbe il buon senso.
E invece…paraocchi.

Noi, pur esprimendo con forza il nostro dissenso, abbiamo rispettato il divieto, ma siamo curiosi di sapere (e cercheremo di verificarlo) se, e in quali termini, l’ok è invece giunto per “altri striscioni” presenti nel Partenio.

Perché buoni e corretti sì, ma fessi no.
Uno striscione o una bandiera possono essere “pericolosi”. Lattine di birra chiuse, bottiglie di acqua col tappo, tamburi con relative mazze, fumogeni, invece no…
Se volevate spegnere quel poco di passione che è rimasto, e desertificare ancora di più gli stadi, con questi teatrini ci state riuscendo benissimo.

Ma non con noi.

La maglia dell’Avellino è la seconda pelle dei Veterani, come di tutti quelli che ieri hanno dovuto subire gli identici divieti e disagi.
Con noi non ci riuscirete, noi su quei gradoni ci saremo sempre e comunque. E che le vergognose pagliacciate di ieri siano solo un episodio.

Forza Lupi, sempre!! 💚🇳🇬

Veterani Avellino

Leggi anche:

Calciomercato Avellino, chiesto Castaldo alla Casertana