Le dichiarazioni di Braglia dopo l’amichevole Avellino-Napoli Primavera 3-0

Al termine della prima amichevole stagionale, mister Piero Braglia ha analizzato in conferenza stampa il 3-0 maturato questo pomeriggio al “Comunale” di Roccaraso.

Le dichiarazioni di Braglia in conferenza stampa

Queste le parole di mister Braglia nel dopo gara: “I ragazzi sono stanchi, si vede, normale che sia così. Nessuno poteva chiedere niente in una partita del genere, non potevi aspettarti grandi cose, però l’impegno e la voglia ci sono state. Questo è ciò che conta, considerando il lavoro che ci aspetta. L’importante è che non sia successo niente a nessuno, dal punto di vista degli infortuni.

Il confronto con i tifosi? Ero già dentro, non me ne sono nemmeno accorto. Questo è sicuramente un altro Avellino, che ha già una base di giocatori, a cui si è aggiunto anche Capone. C’è molta più soddisfazione rispetto all’anno scorso, dove c’era desolazione autentica è solo 5 calciatori più 5 dello staff. Dobbiamo riuscire a verificare alcune cose, lavorando e mettendo minuti nelle gambe.

I due moduli? Il 3-5-2 lo abbiamo schierato nel secondo tempo perché mancavano Carriero e Aloi, altrimenti entrambe le squadre si sarebbero schierate con il 4-3-1-2, sia nel primo sia nel secondo tempo. Vorremmo provare a giocare un pochino meglio, visto che l’anno scorso abbiamo faticato in alcune partite. Vogliamo fare qualcosa di diverso, altrimenti torniamo alla via vecchia (ride, ndr).

Mercato? Io alleno i giocatori che ho in questo momento, il direttore e la società sanno benissimo di cosa ha bisogno di questa squadra per fare un certo tipo di campionato. Con i difensori che abbiamo adesso, possiamo giocare a 4 alla grande, perché abbiamo tutti giocatori che lo hanno già fatto.

Il giovane Messina? Lo devo prima conoscere, so solo che giocava in Serie D l’anno scorso. È un ragazzo bravo di testa, non ha paura e la personalità è una dote che dovrebbero avere tutti coloro che giocano a calcio.

Il calendario della pre-season? Io preferisco sempre fare delle partite, perché altrimenti trovi la condizione dopo 4-5 giornate. Ora giochiamo e ci alleniamo qui che fa fresco, poi andremo giù e si farà fatica per il caldo che c’è. Dobbiamo lavorare su tante cose, oggi abbiamo preso un contropiede che non esiste.

Mastalli? Il primo tempo ha fatto benissimo, era l’unico che si allungava in tempo, liberando Ciancio alle sue spalle. Dietro sono molto più macchinosi, più grossi, in tre giorni non stravolgi le posizioni di un anno senza fatica. In questo momento non sappiamo dov’è di casa la brillantezza, per fortuna.

Il trequartista? Vedo bene De Francesco e forse Mastalli, gli altri no. Quello è il ruolo di De Francesco, anche se nel primo tempo non ha fatto bene, ma non mi aspettavo nulla in particolare.

La fascia di capitano? Non lo decido certo ora il capitano, aspetto prima che ci siamo tutti. Oggi lo hanno fatto Maniero e Miceli, l’anno scorso Laezza e Miceli hanno gestito bene lo spogliatoio, vediamo quest’anno quel che sarà.

Leggi anche:

Avellino Calcio, Maniero: “Dossena picchia forte, Messina si allena bene” (Video)

Avellino Calcio: la conferenza stampa di presentazione di Alessandro Mastalli

avatar
Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.